it en

Dolomiti in bicicletta: gli itinerari perfetti per esplorare le meraviglie bellunesi su due ruote

17/06/2016

Esiste il paradiso del ciclista? Per molti sì ed è rappresentato dalle Dolomiti. Tra bellezze naturali mozzafiato, coinvolgenti sapori della tradizione culinaria e inestimabile patrimonio storico-culturale, queste montagne sono in grado di soddisfare qualsiasi amante della bicicletta, qualunque sia il suo livello o specialità.

 

Dalla bici da corsa alla mountain-bike: aria aperta e profumo di bosco a due passi dalla città affascinano davvero tutti.

 

Le Dolomiti, dal 2009 riconosciute come Patrimonio Mondiale dall’UNESCO, sono tra le montagne più affascinanti al mondo e rivestono da decenni un ruolo predominante per sportivi di ogni genere, per gli amanti della vita di montagna e per gli escursionisti alle prime armi.

L’Alta Badia, in particolare, è riconosciuta per la Maratona dles Dolomites che ogni anno richiama oltre 9.000 appassionati di bicicletta. La sua struttura morfologica rappresenta una delle caratteristiche più apprezzate, in grado di attirare i ciclisti esperti con le sue tipiche strade a serpentina che rendono l’allenamento efficace, divertente e stimolante.

Molti sono gli itinerari che uniscono la natura al piacere di fare attività sportiva. Dalle Tofane alle Marmarole, passando ai piedi delle montagne del Sorapis e dell’Antelao, dove le guglie dolomitiche emergono da fitti boschi e si specchiano in laghi e corsi d’acqua capaci di lasciare senza fiato chi le osserva.

Pedalare tra queste montagne è un’esperienza unica che permette di scoprire anche le bellezze architettoniche di paesini spesso sconosciuti, e per questo ancora più affascinanti, lasciandosi avvolgere da tradizioni e sapori di luoghi ricchi di storia e di intramontabili leggende.

Dai beginners ai ciclisti più esperti, le Dolomiti si presentano con un paesaggio multiforme adatto a diversi livelli di difficoltà. Percorsi panoramici in alta quota, adrenaliniche discese nei boschi perfette per gli amanti del freeride, itinerari meno impegnativi adatti alle famiglie e a chi vuole rilassarsi facendo tappa in uno dei numerosi rifugi di montagna, assaporando i piatti tipici della tradizione bellunese.

 

La Lunga Via delle Dolomiti: molto più che una semplice ciclopista.

 

La Lunga Via delle Dolomiti è uno dei percorsi ciclabili più famosi d’Italia e si snoda sull’antico tracciato dell’ex ferrovia che collegava Calalzo di Cadore, Cortina d’Ampezzo e Dobbiaco. Qui è possibile soffermarsi nel Parco Naturale delle Dolomiti d’Ampezzo che in estate diventa sfondo della competizione Dolomiti Superbike, cycling tour che coinvolge molti agonisti e appassionati delle due ruote.

Per gli amanti della bici da strada, invece, sono perfetti gli itinerari che hanno scritto la storia del Giro d’Italia, i quali, con il Tour dei Passi, offrono 700 km di imparagonabili emozioni.

Da provare il nuovo Bike Park per gli amanti del downhill e i nuovissimi skill park per i più piccoli, pensati per imparare a muovere i primi passi su percorsi MTB sotto la supervisione di istruttori esperti.

Proseguendo sul percorso lungo la Valboite, dal nome del torrente che la percorre, è possibile scorgere, oltre alle numerose bellezze naturali, le tipiche chiesette tardogotiche ricche di antichi affreschi, come la Chiesa della Difesa a San Vito o la Chiesa di San Giovanni a Vodo, capaci di stupire gli amanti dell’arte e non per la cura minuziosa dei loro dettagli storici e peculiari.

Pieve di Cadore è la capitale storica della Valboite, dove, nel 1477, nacque il grande pittore Tiziano Vecellio, la cui casa, sfuggita alle devastazioni e alle rappresaglie dei soldati tedeschi ai tempi delle guerre cambraiche del XV secolo, è oggi aperta al pubblico. Pieve di Cadore è, inoltre, nota per essere località patria dell’occhialeria. Qui è infatti possibile visitare il Museo dell’Occhiale, con un’ampia raccolta di occhiali, lenti, astucci e strumenti ottici dal 1956 ad oggi.

La Lunga Via delle Dolomiti generalmente pone il suo traguardo a Calalzo, il più antico comune del Cadore. Assolutamente imperdibile è la visita a Lagole, con il suo meraviglioso lago immerso nella natura. Calalzo è anche il punto di partenza per altre piacevoli escursioni nelle vicine località di Auronzo, del Comelico e di Sappada.

 

Prenditi il tuo tempo, monta in sella alla tua bici e pedala alla scoperta di una delle più grandi meraviglie d’Italia.

Articoli correlati
Ogni giorno porta con sé nuove sfide e nuove emozioni.
Lasciati ispirare da Dryarn®
per vivere le tue avventure quotidiane.
24/08/2022  Holidays & Tours, Natura
LE GOLE DEL VERDON: 3 SPORT DA FARE IN UN LUOGO MOZZAFIATO

Chi ha detto che per ammirare paesaggi da cartolina si debba andare per forza dall’altra parte del mondo? Molto più vicino di quando si possa pensare, c’è un angolo di […]

scopri di più