it
it

Il Giro d’Italia è la corsa ciclistica più bella del Mondo!

Può sembrare un’affermazione azzardata, ma abbiamo i nostri motivi per farla.

In questo articolo non intendiamo confrontare il Giro con altre corse, anche perché se vi parlassimo di Tour de France non avreste fatto click.

Bene, il primo tesoro segreto a rendere unico il Giro d’Italia sta nel nome: l’Italia. Il bel Paese pieno di differenze e contraddizioni, così nella Storia come nel Paesaggio. Mari, Appennini, Alpi, una grande Pianura, laghi fiumi e Isole. Se con un pennarello si disegnasse una linea su una cartina dell’Italia, il risultato sarebbe un percorso vario e ciclisticamente fantastico, figuriamoci se lo si fa con impegno…

Il valore aggiunto lo dà il mese di Maggio, probabilmente il più bel mese alle nostre latitudini. Le scuole stanno per finire, arriva il bel tempo, la gente ha voglia di uscire per strada, scalare le montagne e stare all’aria aperta per vedere il passaggio di quei tanti uomini colorati su due ruote.

E quindi ecco il terzo ingrediente, il pubblico. Gli anziani nei bar dei paesini, i lavoratori nelle grandi città, le classi che non vanno a scuola per assistere al passaggio della corsa, il Giro accende l’entusiasmo ovunque passi. Perché raggiunge tutti, perché trascina con sé l’aria di festa.

Ma quello che davvero rende unico il Giro è la sua capacità di raggiungere davvero qualsiasi posto, il percorso. Perché l’arrivo ad Assisi di qualche anno fa è stato spettacolare, così come i traguardi in cima ai colli più impervi, cose che le corse più grandi si sognano.

Infine lo spettacolo, il Giro lascia spazio all’immaginazione ed alla fantasia. I ciclisti italiani che danno spettacolo davanti a casa, pur senza avere ambizioni di vittoria, pur di entusiasmare il pubblico. Un esempio? Paolo Tiralongo sull’Etna.

L’elogio al Giro d’Italia lo abbiamo fatto perché davvero ci appassiona, e perché in lui ci ritroviamo. Dryarn è una fibra 100% made in Italy, adatta a qualsiasi condizione atmosferica, alle salite come alle discese, grazie alle sue capacità di espulsione del sudore e di termoregolazione. E anche se non è bello fare confronti, Dryarn è superiore a tutte le altre fibre! E anche perché sotto alle maglie rosa di Gaviria, Greipel e Jungels c’era l’intimo SIXS con elevate percentuali di Dryarn.

Godiamoci il Giro 100, insieme!

Articoli correlati
Ogni giorno porta con sé nuove sfide e nuove emozioni.
Lasciati ispirare da Dryarn®
per vivere le tue avventure quotidiane.