it en

TRE ITINERARI PANORAMICI DA PERCORRERE IN BICICLETTA

08/07/2019

PANORAMICA ZEGNA

La Panoramica Zegna si trova in provincia di Biella ed è da sempre molto battuta dai ciclisti. La strada era stata progettata negli anni 1930 da Ermenegildo Zegna come un testamento spirituale: nella visione illuminata dell’imprenditore doveva essere l’anello di congiunzione tra il mondo alpino e quello laniero.

Ritagliata tra betulle, conifere e faggete, alpeggi e rifugi di pastori, a 1000-1500 metri, all’altezza dei valichi tra Monte Rubello, Cima della Ragna, Monte Moncerchio e il Monticchio, la Panoramica fu costruita all’insegna del sacro e del profano: dalle montagne di Trivero, a Levante, doveva puntare a Ponente, verso il cuore storico, geografico e spirituale della zona, quel Santuario di Oropa proclamato, con i Sacri Monti di Piemonte e Lombardia, sito di protezione Unesco. Lo stesso santuario dove il 20 maggio si è chiusa la 14° tappa del Giro d’Italia 2017 e che, nel Giro del 1999, fu scenario della leggendaria scalata del campione Marco Pantani.

 

IL PASSO GIAU

ll passo Giau è un valico alpino delle Dolomiti posto a 2236 m. in provincia di Belluno che mette in comunicazione i comuni di Colle Santa Lucia e Selva di Cadore con Cortina d’Ampezzo. Il Passo di Giau è uno dei passi leggendari del Giro d’Italia, soprattutto dal versante di Colle Santa Lucia e Selva di Cadore, per la sua durezza (misura 10,1 km con una pendenza media del 9,1%) e la sua costanza, mentre il versante ampezzano è più breve (8,6 km) e leggermente più facile (8,3% di pendenza media) anche se rimane molto impegnativo in quanto la pendenza media è falsata da alcuni facili tratti iniziali, mentre nella parte centrale e finale è molto dura e costante. Si tratta di una salita spettacolare e panoramica, da cui si scorgono numerose vette (Marmolada, Tofane, Cristallo, Sorapiss, Croda da Lago, Lastoni di Formin, Cadini di Misurina).

 

IL PASSO DELLO STELVIO

Il Passo dello Stelvio ha un’altitudine 2.758 m s.l.m. e collega – solo durante la stagione estiva – Lombardia, Svizzera e Alto Adige, attraverso la strada carrozzabile più alta d’Europa. L’apertura passo Stelvio è in genere per la seconda metà di maggio, mentre la chiusura è per i primi giorni di novembre.

La strada per il passo Stelvio è immersa in un parco naturale, in una zona intrisa di storia. La storia della Prima Guerra Mondiale, con le trincee e i molti resti militari, che testimoniano un periodo triste e duro della storia e – in secondo luogo – quella della bicicletta, con le imprese epiche durante le tappe del Giro d’Italia.

La salita del passo dello Stelvio, classificabile come una salita alpina lunga, dal grande dislivello e dalla grande quota altimetrica raggiunta, con pendenze di media difficoltà, è una salita affascinante e impegnativa da tutti e tre i versanti (italiani e svizzero). Il più difficile è però quello italiano-altoatesino che, a partire da Prato allo Stelvio (915 m s.l.m.), sale per quasi 26 km con pendenze via via crescenti (circa l’11% nell’ultimo chilometro).

 

 

 

 

Articoli correlati
Ogni giorno porta con sé nuove sfide e nuove emozioni.
Lasciati ispirare da Dryarn®
per vivere le tue avventure quotidiane.
24/08/2022  Holidays & Tours, Natura
LE GOLE DEL VERDON: 3 SPORT DA FARE IN UN LUOGO MOZZAFIATO

Chi ha detto che per ammirare paesaggi da cartolina si debba andare per forza dall’altra parte del mondo? Molto più vicino di quando si possa pensare, c’è un angolo di […]

scopri di più