it en
it en

Sei consigli per fare in modo che lo zaino diventi uno strumento pratico e funzionale durante un’escursione in montagna.

  

Il trekking è un’attività praticata soprattutto da coloro che amano la vita all’aria aperta. Un’escursione in montagna può essere fatta semplicemente per rilassare la mente e lo spirito.

A volte l’escursione può durare anche più di un giorno, magari perché si decide di mettersi alla prova. Non si parla delle 1.100 miglia percorse da Cheryl Streid nel film Wild, ma di un semplice percorso che potrebbe portarvi a dormire sotto le stelle anche per una sola notte.

Ecco che scatta il problema zaino. “Cosa mi porto?” Il consiglio più utile è sempre quello: portatevi solo l’indispensabile. Meno peso equivale a meno fatica. Bisogna anche tener conto degli innumerevoli dislivelli che incontrerete nel vostro cammino.

Per preparare un ottimo zaino, che sia allo stesso tempo pratico e funzionale, basta seguire questi semplici sei consigli.

 

Posizionare gli oggetti in base all’ordine di utilizzo

Abbiamo parlato di praticità, questo sta ad indicare che durante l’escursione non ci si può fermare per “smontare” lo zaino nel caso serva qualcosa. Per questo, durante la preparazione, posizionate le cose che non vi servono più urgentemente sul fondo.

La base deve essere leggera

Per bilanciare lo zaino al meglio bisogna posizionare “il carico più leggero” sulla base dello zaino, come l’abbigliamento per esempio. Per affrontare l’escursione nel migliore dei modi, sarebbe meglio utilizzare dell’abbigliamento tecnico, anche per evitare l’outfit del vestirsi “a cipolla”, non molto pratico, soprattutto se vi portate uno zaino sulle spalle. Utilizzando dell’abbigliamento termoisolante, avrete la praticità di compiere la vostra escursione senza che la vostra salute corra alcun rischio.

A metà zaino posizionate il cibo

Il cibo, e gli strumenti per cucinarlo, possono essere posizionati, più o meno, a metà dello zaino e per trasportarlo vi consigliamo di usare la gavetta. Per chi non lo sapesse, la gavetta è un recipiente in metallo che viene utilizzato per trasportare il cibo in situazioni in cui non vi è la possibilità di cucinare. Utilizzate quella di alluminio perché è meno pesante, anche per la pentola vi consigliamo di utilizzare questo tipo di metallo. Riducete al minimo le posate, come bicchiere portatevi una tazza in plastica.

Gli oggetti utili sempre a portata di mano

Tra gli oggetti utili da tenere sempre a portata di mano troviamo la borraccia, che può essere posizionata sulla parte alta dello zaino. In commercio trovate quelle tecnologiche in alluminio, oppure se volete potete utilizzare la gobba di cammello, da mettere nello zaino dove poi potrete bere la vostra acqua tramite una cannuccia a cui viene collegata. Nella patella, invece, posizionate altre cose che vi saranno utili come lo smartphone, la mappa, la bussola o la macchina fotografica.

Posizionare tutto al centro dello zaino

Per avere uno zaino ben bilanciato, oltre a posizionare gli oggetti più leggeri sul fondo, bisogno anche tener conto del fatto che le cose devono essere posizionate nel modo più centrale possibile, in modo tale che non ci siano differenze di peso tra i due lati esterni.

Evitare di appendere del carico esterno

Appendere del carico all’esterno del vostro zaino, prima di tutto, potrebbe sbilanciarvi, in secondo luogo potrebbe mettere a repentaglio la vostra escursione. Durante il cammino gli oggetti potrebbero impigliarsi sui rami degli alberi, quindi è sempre meglio avere tutto dentro lo zaino.

Articoli correlati
Ogni giorno porta con sé nuove sfide e nuove emozioni.
Lasciati ispirare da Dryarn®
per vivere le tue avventure quotidiane.